“Il movimento più corretto? Quello del cacciatore!”

― SILVIA CATTANI

Fisiatria

Allunga e migliora la vita del tuo cane!

Mens sana in corpore sano” o, per riportarlo al tuo cane Il movimento corretto aiuta a mantenere corpo e spirito in equilibrio”. Per riportare in salute chi non lo è più, per età o per malattia, per mantenere  in forma chi già lo è, un programma di allenamento mirato e fattibile, nella vita di ogni giorno. Se il tuo cane è un atleta, uno sportivo, e desideri migliorare le sue prestazioni, o se è campione intercondominiale di salto sul divano, la medicina fisiatrica lo può aiutare.

Read more

La fisiatria è una branca della medicina che mi ha sempre affascinata: aiutare un paziente a recuperare la forma perduta,  a causa di un trauma, dell’età, di un patologia specifica o solo di cattive abitudini, significa farlo riaprire ad una vita felice. Significa anche dare la possibilità ai suoi proprietari di avere al loro fianco un compagno sereno ed appagato, che migliora anche a loro l’esistenza con la sua gioia ed i suoi scodinzolii.

Per affrontare correttamente il problema è indispensabile avere competenze ad ampio campo: ortopedico, sia ostro-articolare, che neuro-muscolare, biomeccanico-ergonomico, cognitivo-relazionale e psicologico.

Tanti paroloni per dire che non basta sapere dove è il limite tra la patologia e la salute, ma tutta quella zona grigia che sta al limite tra le due aree e che va sotto al nome di “disfunzionalità” deve essere indagata per bene ed illuminata.

Molto si può fare prima che una patologia si sviluppi in tutta la sua gravità!

Le tecniche con cui intervengo spaziano tra quelle che ho studiato ed ogni giorno approfondisco: chiropratiche, osteopatiche, fisioterapiche pure, come la massoterapia (massaggio), la manipolazione della colonna vertebrale (aggiustamento), lo stretching muscolo-tendineo o la mobilizzazione articolare (agisce su capsula e legamenti), o fisioterapiche strumentali, attraverso l’utilizzo della Tecarterapia, della magnetoterapia, termoterapia (applicazione del caldo e del freddo), lavoro assistito in acqua o con attrezzi.

E’ indispensabile strutturare un protocollo su misura che rispetti l’esigenza di ogni paziente, e che permetta ad ognuno di esprimersi al meglio, in modo da portare al miglior risultato possibile nel minor tempo possibile.

E questo va gestito sia in clinica, dove il tuo amico può beneficiare delle terapie più moderne, sia a casa, con un lavoro che necessariamente deve essere giornalmente portato avanti. E chi può farlo meglio di te, che lo conosci a fondo?

Impara di che movimenti ha bisogno il tuo cane per le sue specifiche esigenze, impara come poterli effettuare in sicurezza, in modo da poterlo aiutare anche autonomamente a casa.

La giornata offre mille spunti per costruire una situazione utile: la passeggiata giornaliera diventa un momento di condivisione e di ricerca del benessere.

Un albero in mezzo al prato può essere solo un oggetto da odorare, oppure serve per esercizi di ginnastica dolce per un cane anziano che deve mobilizzare la sua colonna vertebrale un pochino irrigidita dall’età. O pure è anche un target di lavoro come arrivo di un allungo di un giovane atleta a quattrozampe, che arriva da ripetute o con esercizi di clicker training.

La città offre innumerevoli occasioni “allenamento da marciapiede” (anche se, detto così, sembra un po’ ambiguo…).

Pensaci bene: salire e scendere dallo scalino del marciapiede, magari in modo alternato con le zampe anteriori prima e posteriori dopo, oppure con le due ipsilaterali destre (destra davanti e destra dietro) e successivamente ipsilaterali sinistre (sinistra davanti e dietro) sono un ottimo esercizio propriocettivo, che migliora la percezione del corpo del tuo cane, e può essere praticato da chiunque, mettendo solo un po’ di attenzione.

La ricerca del benessere è una strada che si percorre giorno per giorno, alla scoperta di un mondo di conoscenza e rispetto reciproco.

Io preferisco mille volte che tutto ciò che è possibile, il mio paziente se lo faccia a casa sua, circondato dai suoi compagni a due gambe saprà di certo essere molto più rilassato e collaborativo e recuperare la forma perduta nel minor tempo possibile. Come si dice: “Minima spesa… massima resa!”.

Le mie competenze in fisiatria sono fondamentali anche nella preparazione atletica: se il tuo cane è un atleta e tu vuoi migliorare le sue prestazioni, nel totale rispetto del suo benessere, con un protocollo di lavoro specifico, costruito su di lui, puoi ottenere il massimo dagli allenamenti, in modo che lui esprima il meglio durante le competizioni.

In questo modo ha gli strumenti per vincere!

Saprai in che modo allenarlo, con quali esercizi, per quanto tempo, e imparerai che il riposo fa miracoli, quanto e come fare stretching per migliorare la sua flessibilità senza lesionare involontariamente le guaine e i fusi, come aiutarlo con le integrazioni naturali.

In questo modo lo rendi un atleta completo, e strutturare una scheda di allenamento con me ti rende un allenatore autonomo e consapevole di cosa stai facendo. Conoscere per vincere!

La chiave per una preparazione atletica vincente

  • Riscaldamento

  • Aerobico

  • Anaerobico